La mia foto
Classe 1984. Siciliana ma vivo nella Città Eterna., Adoro le spezie e i libri. Mamma di 2 twins, felicemente sposata. Non troverete solo piatti esclusivi e note pietanze ma anche riflessioni personali, rese libere di esprimersi ed essere condivise.

venerdì 22 febbraio 2013

ROSMARINO per esaltare un cibo di conforto

 
Giorni fa durante la mia ora di pausa ho fatto una super frettolosissima spesa, giusto per approfittare della "fiera dei sapori d'Italia". Avrei potuto acquistare qualcosa della mia cara Sicilia, invece l'occhio e il conseguente acquisto sono finiti sui prodotti della mia terra attuale...quindi porchetta e salsiccia di Ariccia!!!
 
 
La prima, gustosissima, l'abbiamo divorata la sera stessa, mentre la salsiccia si è concessa in tutta la sua bontà ieri sera a cena tramutandosi irrimediabilmente in Cibo di conforto (come ripete spesso la fantastica Nigella), sensazioni di benessere solo alla pronuncia..
Dopo un'estenuante giornata di lavoro nulla poteva consolarmi, consolarci, con un piatto "povero" come questo.. Cotto in forno, tutto in teglia (cipolla, olio evo, salsiccia, patate e un goccino d'acqua), pronto in poco più di una mezz'ora abbondante. Immancabili i sapori speziati di pepe nero, alloro e rosmarino!!!
 
 
Proprio quest'ultimo  ha regalato all'intera pietanza quel qualcosa in più che ne ha del tutto definito il sapore godurioso e poi stamane sbirciando in rete ho trovato questo paragrafo molto interessante che ne ha giustificato ancora di più il senso!
 
 
 
 
 
[...] "Il Rosmarinus officinalis appartiene alla famiglia delle labiate in compagnia di molte altre piante aromatiche.
E’ un arbusto sempreverde le cui foglie contengono un olio volatile dal caratteristico profumo pungente e amaro.
In Italia lo si trova allo stato spontaneo lungo tutta la costa e, proprio perchè questi arbusti si affacciano sul mare, al mare, i fiori del rosmarino hanno carpito il colore azzurro. E al mare si riferisce il suo nome latino: ros = rugiada e marinus= del mare.
Di questa pianta sono noti gli impieghi culinari ed anche medicinali per le sue numerose proprietà terapeutiche.
Oltre all’olio essenziale, le sue foglie e i suoi fiori contengono acidi organici, glucosidi, saponine e colina.
Questi costituenti giustificano le sue azioni antisettiche, antispasmodiche, stimolanti, diuretiche, toniche e altre ancora.
Trova la sua applicazione in terapie riguardanti la depressione, la cellulite, l’affaticamento, l’asma, l’edema, l’emicrania, la frigidità, l’impotenza, la memoria, il nervosismo, le rughe e la pelle più in generale, il sonno, il torcicollo, i denti, il cuore, il colesterolo, i capelli, ecc..
Una vera panacea.
Il sollievo derivante dalle innumerevoli proprietà curative di questa pianta odorosa è intrinseco al significato letterario di
“ros = rugiada”.
Si narra che la regina Isabella d’Ungheria, settuagenaria e piena di acciacchi, ritrovasse la salute e una seconda giovinezza grazie al rosmarino.
L’acqua di giovinezza ha una ricetta molto semplice: basta mescolare alcolaturo di lavanda di rosmarino e menta (mentha pulegium).
Credo che il rosmarino sia un arbusto da tenere a caro, come un vero amico.
Un amico dall’azzurro profumo.
Non è forse l’amicizia un sollievo che rasserena? E un cielo sereno non è forse sempre azzurro?
[...]
"L'azzurro profumo del rosmarino" di Lorena Turri

Nessun commento:

Posta un commento

Il segnale del vostro passaggio è cuore pulsante che alimenta l'anima di queste pagine.
Siete tutti benvenuti, grazie di essere costantemente presenti e numerosi!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...